Archivio

Posts Tagged ‘one’

GAST ZTK Metro B 1998

4 novembre 2010 2 commenti

Gast in classico stile Gastrite avvistato alla stazione S.Paolo di tardo pomeriggio. La “G” e la “A” inclinate verso destra sembra stiano sgommando per la velocità del treno appena giunto in banchina. Dipinto insieme a One, ricordo che Gast mi raccontò che prima di finire una guardia avvicinatasi di nascosto lanciò un breccolone da in mezzo ai due vagoni del treno di fronte, colpendo la lamiera a pochi centimetri dalla testa di One…

Annunci

Stratificazioni

11 Mag 2010 1 commento

Roma…1992, i primi vagoni della metropolitana vengono dipinti.
Roma…2010, diciotto anni dopo, l’impatto visivo dei Nomi sui treni non si arresta, anzi si ammassano uno sopra l’altro in una folle corsa per la visibilità, strato su strato, generazione su generazione. Opere in perenne movimento su e giù per la città che diventa un enorme museo urbano. Opere che, esposte ad intemperie, pioggia, vento, sporcizia, Sole e fattori umani quali acidi utilizzati per pulire i vetri, col tempo INVECCHIANO, proprio come l’autore dell’opera invecchia. Opere con una vita Propria. Si potrebbe azzardare l’ipotesi che si sia Realizzato cio che i Futuristi teorizzavano cento anni fa!

Side One Ztk

Pannelli dipinti nel ’96 da Side e One entrambi con la mano sinistra, essendo tutti e due mancini. Side era uno pseudonimo di Far e sfociava spesso in pezzi FARSIDE sulle fiancate. Far in inglese vuol dire lontano, e qualche anno dopo se ne andò a vivere all’estero per studiare.

One dal canto suo ha sempre scritto questo nome, salvo rare eccezioni, e ha dipinto davvero tanti pezzi. Veder girare così tanti pezzi one, one, one, one…ci ricorda che 1+1=2 e che il bombing non è un opinione.

Categorie:Roma Tag:, , , , , , ,

STARSKY 1994 B-line

Starsky, oltre ad essere il partner di Hutch nella famosa serie televisiva degli anni ’70 Starsky e Hutch, è stato anche uno pseudonimo del romano Heko Etc, noto anche come PANE per il suo gustoso lettering. All’epoca ancora un giovanotto, qui lo vediamo invecchiare negli anni successivi fino al 1999, quando il vagone cambia completamente volto trasformandosi in maniera irriconoscibile.