Archivio

Posts Tagged ‘Teatro’

Savona Tredici

22 dicembre 2017 Lascia un commento

Via Savona, nel 1989, non era la via fighetta, di locali da movida, design district e showroom pettinati che è adesso.
All’epoca era una via abbastanza popolare dietro la Stazione di Porta Genova FS, che i binari tagliavano abbastanza fuori dalla movida dei navigli.
Al numero 13 di questa via avevamo occupato un negozio (non proprio occupato… pagavamo un affitto di 20.000 lire al mese!) per vendere le autoproduzioni che facevamo, e tutti i dischi e merchandise dei generi che ci piacevano: principalmente punk e hardcore, ma anche una discreta selezione di Rap e HipHop.
Non avendo licenze di vendita, partite IVA ne un cazzo di niente, avevamo fatto un’associazione culturale che, in legalese, “acquistava beni per conto dei soci”.
In realtà la tessera costava 2000 lire e poi prendevi quello che volevi.
Avevamo chiamato questo posto “WHIP Anarcotrafficantes” (eravamo anarchici ed era il periodo del narcotraffico di Pablo Escobar, di cui non ci batteva un cazzo, ma ci piaceva il nome almeno quanto dava fastidio agli anarchici più classici).
E insomma, aprimmo questo posto in Via Savona 13 (S13 viene da qui), con una selezione musicale che andava dai Dead Kennedys agli NWA e dai Wretched all’Isola Posse All Stars.
Fanzine, libri e comix underground.
Magliette dei RUN DMC stampate alla serigrafia del Leoncavallo e anfibi autoprodotti ad Ascoli da un nostro socio (il Dr.AP!).
Erano gli anni delle prime posse, io giravo e taggavo come LHP, Teatro dipingeva sui muri del Virus di Piazza Bonomelli e Jet4 avrebbe iniziato di li a poco.
Entrati dentro nel negozio il primo giorno, era il 1990, iniziammo subito a fare una pezzata sul muro sotto a cui avremmo messo gli espositori dei dischi.
Io e Teatro dipingevamo insieme da poco e, quelli alla Whip furono i primi pezzi fatti anche con Jet4.
Il puppet lo feci io, e che fossi un fan di film horror, splatter, gore, dovrebbe essere evidente.
Teatro e Jet4 fecero la scritta e buona parte degli sfondi, e Teatro è responsabile delle “interiora” svolazzanti.
In pratica: quello che ha un contorno nero spesso l’ho fatto io, quello con meno nero possibile è di Teatro!).
Qualche tempo dopo, a pezzo finito, arredi montati e negozio aperto, arrivarono i primi futuri soci a vedere che c’era e godere della macelleria dipinta sulla parete.
Tra i passanti c’era anche un giovanissimo AirOne, all’epoca sbarbatello giovine writer che fotografò il muro con la foto che vedete qui sopra (poi scansita dalle sapienti mani di KayOne ma non finita sul libro “Vecchia Scuola”).
Siccome a tutti piace ridere delle disgrazie altrui, vi racconto l’ennesima storielèta.
Era sabato pomeriggio.
Arrivo in via Savona, trovo un posteggio, entro dalla porta della WHIP.
Vengo immediatamente coperto d’insulti.
Trovo Teatro e Jet4 incazzati con me, Poldo e LeleProx che se la ridono ditero le spalle.
Ah, così questo è il pezzo di Vandalo, eh? Pezzo di Fango!!!
Macché fango! Pezzodemmerda proprio!!!
Non avevo la minima idea di che cosa stessero parlando.
Ci eravamo sentiti non più di un’ora prima, tutti amicici e tranquilloni.
Vai in giro a fare il figo con le pezzate fatte insieme, eh? Mavaffanculo và!
No ma io…
Minchia, muto devi stare!!!”
Ma…
Muto cazzooooo!!!
“…”

Boh, io, fin da piccolo avevo sempre fatto qualcosa.
Solo che, almeno questa volta, ero (abbastanza) certo di non aver fatto niente.

Non ci misero molto a spiegarmi che era successo.
Mezz’ora prima era passato il giovane AirOne con la sua macchinetta fotografica, era entrato in negozio per fotografare il muro e aveva scambiato 4 parole con i miei soci.
Il dialogo, pressapoco, era stato così:
Teatro e jet4 “Si, abbiamo fatto questo pezzo pochi giorni fa…
AirOne: “Uh, figata il pezzo di Vandalo!!!
T+J4: “Beh, si, lui ha fatto il puppet e noi la scri…
Air1: “Si, si. Eh, ma i pezzi di Vandalo sono mega!
T+J4: “No, ma l’abbiamo fatto ins..
Air1: “Vabbé, ora devo andare, faccio una foto al pezzo di Vandalo e vado che ci ho fretta. Voi sareste? Vabbé, ciao, io scappo.
Bello il pezzo di Vandalo, comunque.

Chi cazzo era questo qui?
Mi ricordai di aver parlato con qualche altro writer, tipo il giorno prima, dicendo che avevo fatto un pezzo coi miei soci in Via Savona.
E il giovine AirOne era subito andato a fotografarlo.
Non sapevo fosse un mio pikkolofan.
Ah! A volte è duro il peso della fama…
Ma vabbé in seguito fecero pace, tant’è che in negozio vendemmo pure i primi numeri di Tribe e, un po’ di anni dopo verso la fine degli anni 90, Teatro entrò nei THP.
Penso abbia avuto occasione di spiegargli che la murata non l’avevo fatta tutta io.

Per finire vi aggiungo un paio di foto: in una le letter WHIP di striscio e sfuocate (foto mia) con parte del negozio, oltre alla serranda su via Savona (puppet mio, lettere e sfondi Jet4 e Teatro).
Dipingevamo insieme già da tempo, ma S13 crew nacque ufficialmente solo verso la fine del 1990.

 

Annunci
Categorie:Milano Tag:, , , , ,

Welcome to Darsena!

21 aprile 2017 4 commenti

Della Darsena e dei pezzi che sono stati fatti li, da almeno il 1991 in poi, ne abbiamo parlato in diversi post, dal primo bombing MNP ai primi softie S13-LHP, dai pezzi dell’87 sulla casa occupata a quelli degli anni successivi (1991 e 1994), fino ai bombing VDS di fine anni 90.
Sopratutto quelli sulla riva non duravano molto, venendo subito ricoperti da bombing successivi.
Questo non succedeva sempre, però. Alcuni pezzi durarono diversi anni.
In questa foto, fatta da Secse nell’estate del 1998, si vede un panorama abbastanza vario: partendo da sinistra si vede un pezzo della murata fatta da Phato e Shad (penso nel 1992) sul Kasotto, seguito da un paio di piccoli pezzi non riconoscibili, dopo l’albero il “Buio” di Bzk, seguito da uno che boh e dalla pezza di Dumbo in nero con outline bianco del 97-98, con cui coprì l’S13 del 1991.
Al centro il TDK che Sten, Mec, Raptuz e Reo fecero poco dopo l’S13.
Subito di seguito il MNP grande, che i Napalmz fecero per rimarcare il territorio dopo che Shad e Kado TKA andarono sopra all’MNP precedente in ignoranza style.
Going over sopra al going over, quindi. Un pochino poco attenti, però, dato che il loro sfondo fiammeggiante andò sopra al D.A.S.V. firmato (D)ayaki-(A)tomo-(S)wartz-(V)andalo del 1992 (questo non so se lo posto, la storia è divertente ma l’oggetto bruttarello…).
Di seguito, pezzi e pezzulli successivi, oltre al gruppo di omarelli che pescano nel naviglio.
Sulla casa occupata, dietro, si vedono i resti della prima pittata S13 del 1991 (sulla casa a sinistra in basso), quelli di Teatro del 1994 circa (il primo piano) e quelli intorno al 1997-98 (in basso a destra) firmati Vandalo e Honey.
8 anni di writing sul porto di Milano.
La Darsena vera, non la tristezza che c’è ora.

LEONCAVALLO, Via Mancinelli, 1990

18 marzo 2017 2 commenti

Questa è la seconda, anzi, la terza murata per Fausto e Iaio, organizzata dal Leoncavallo in Via Mancinelli.
La prima fu fatta nel 1989, la seconda nel 1990, ma fu coperta poco dopo dai “grigioni” del Comune.
Quella nella foto (e in altre) fu la pezzata successiva alla grigionatura. In un primo momento si provò a vedere se era possibile lavare via il biancone dato dagli stronzi mandati dal Comune, ma non fu possibile.
Si decise, quindi, di rifare un pezzo nuovo sopra, per ribadire al Comune di Milano che quel muro (e quello di fronte) era di Fausto e Iaio, e non c’era un cazzo che ci potessero fare.
Oggi, 18 marzo, sono passati 39 anni dall’omicidio e 27 da questo pezzo, quei muri sono stati pezzati e ripezzati molte volte (l’ultima in questi giorni dai VolksWriterz), ma sono e rimarranno sempre per Fausto e Iaio.

Ah, il pezzo era un pezzo collettivo, ma a grandi linee le lettere erano di:
Vandalo (L), Inox (E), Core (ON), Teatro (K), non ricordo chi per (AWALL) e Kino (O), anche se non si vede nella foto (di Wany UES).

In memoria di Luca Rossi 23 febbraio 1986

23 febbraio 2017 Lascia un commento

lucarossi97

31 anni fa, il 23 febbraio del 1986, veniva ucciso Luca Rossi, colpito da un proiettile sparato da uno sbirro in borghese.
Luca non lo conoscevo bene.
La prima volta che parlai con lui fu nel posto più assurdo dove potevano incontrarsi due ragazzi di 18 anni, lui vicino a Democrazia Proletaria, io anarcopunk: in una caserma dell’esercito.
Avevamo 18 anni, era il 1984 e ci era arrivata la cartolina per la visita militare obbligatoria.
Ci siamo conosciuti perché, su un paio di migliaia di ragazzi siamo stati gli unici 2 a chiedere (a un parà della Folgore oltretutto!) informazioni sul servizio civile alternativo a quello militare.
Subito ben visti, dopo nemmeno un paio d’ore in caserma!
In seguito mi sarà capitato di chiacchierarci una manciata di volte, a qualche assemblea o manifestazione. Poi, dopo il suo omicidio, ho scoperto che avevamo diversi amici comuni.
Aveva la mia età.
E nessuno dovrebbe morire a 20 anni.
Nel 1997, 20 anni fa, io e Teatro avevamo fatto questo pezzo dedicato a lui, insieme ad Atomo, Xwarz e Shah che dipingevano sul muro di fianco.
Negli anni, di pezzi veri e propri, ne ho fatti un paio di centinaia. Ma quelli che considero veramente importanti sono pochi.
Questo è uno di quelli, e non per questioni di stile e di disegno.
Ciao Luca, noi non dimentichiamo.
Non dimenticheremo mai.
cavallo-luca-rossi97

Vandalo + Teatro S13 Vigevano 1998

29 novembre 2016 Lascia un commento

 

van98-vigevano

Emer mi ha regalato questa foto d’epoca, tratta dal suo archivio, in cui ci sono io e Teatro mentre stiamo facendo la nostra murata durante la Jam “Da Match”, nel maggio 1998 a Vigevano.
Avevo finito il Flying Eyeball dedicato a Von Dutch, i pistoni fiammeggianti e l’ace of spades, avevo abbozzato la “V” 3D, ma non sapevo che cazzo fare con gli sfondi.
Il fatto è che, il 90% delle volte che ho fatto murate non ho fatto mai bozze, facendo sempre quello che mi usciva dalla testa al momento.
E nel 98 avevo altro per la testa che il writing. Per cui ho fatto un po’ di sfondi vari (che a posteriori sono un bel po’ fiacchi).
Qui, oltretutto, feci un pupazzetto, che poi cancellai, che poi rifeci, e poi ricancellai e non so se lo rifeci. Faceva cagare.
Comunque, devo dire, a quella jam mi sono divertito. Anche se cominciavo ad averne abbastanza dell’ambiente del writing milanese e avevo voglia di fare altro. E mollare le lettere per fare un po’ di icone tipiche della Kustom Kulture era un passo. Già dai primi 90’s ogni tanto facevo qualche disegno di monster hotrods, e alla fine dei 90 trovavo più divertente andare a raduni di muscle cars e hotrods che a jam HipHop.
Eppoi Teatro, che vedete a sinistra nella foto mentre completa il suo 3D, era sempre più attivo con i THP, per cui di li a poco avrei ridotto di molto il consumo di spray.
Qui, poi, il pezzo finito…
ultimo98
Categorie:Milano Tag:, , , ,

S13 in Darsena 1991 – tags&throws

 

EPSON scanner image

EPSON scanner image

La Darsena, per quanto riguarda il writing, nel 1991 era agli inizi.
Dopo la prima bianconata degli MNP, grigionata qualche tempo dopo, scendemmo in diversi a fare tags e scritte, mentre una sera scesero i miei soci S13 insieme a Inox LHP a fare throwies in bianco e nero.
Una panoramica l’ho già postata tempo fa, aggiungo questo particolare perché è una bella foto con tanto di riflesso delle pezze nell’acqua della Darsena (Foto: DISAN) e perché sul portoncino di metallo si vede una mia vecchia tag del 91, fatta con quello che era la cosa più simile a un fatcap per le Dupli: il tappo delle Dupli “effetto granito”.

Comunque, da sinistra a destra: blocchino ACAB di Jet4 (poi rifatto in bianco e outline nero con lettere più stilose e grosse, vedi vecchia foto), “Echo of a different world” di Echo/Papilly e bianconata di Teatro.
Poi, nella foto non si vede bene, ma di fianco a Teatro c’è una tag di Craze MNP, probabile resto del loro precedente passaggio, fatta con lo stesso rosso che usarono sul kasotto.

Teatro al parco delle Basiliche 1988

12 maggio 2016 Lascia un commento

 

Archivio_Foto_90-Scan-151226-0015 TEATRO 1988

Teatro aveva più familiarità con gli spray, nel 1988, rispetto a molti writers e non di quel periodo (io, per dire, lo stesso giorno di questo pezzo avevo fatto il “merdone” postato qualche giorno fa).
Li aveva usati qualche volta già da qualche anno e, sopratutto, li aveva usati per lavoro, facendo il decoratore.
Qui siamo sempre alla murata dell’inverno 1988, contro eroina e polizia ed, ebbene si, ha scritto “graffiti”. Vabbé, era il 1988. Non era un argomento molto discusso, all’epoca.
Si firmava ancora Marco T., e “Cattivi Soggetti” era la sua sorta di crew, che poi diventò una parte della futura Whip/S13.
Comunque, si vedono anche le tracce di passaggio dei fricchettoni del parco (“cremare dibbrutto”) e dei nazi che giravano tra le Colonne di San Lorenzo (dove c’era la loro birreria, l’Oktoberfest) e la fine di Corso di Porta Ticinese.
Qui lasciarono la scritta “avete i soldi per le bombolette, e per le bare?”, che voleva essere minacciosetta, ma che faceva riderone per la mancanza di punteggatura, oltre alle loro solite svastiche disegnate male.
Fu comunque tra le minacce che gli furono ricacciate in bocca, quando si assaltò l’Oktoberfest e i boneheads si presero la loro bella carica di mazzate.
Ah, i frizzanti anni 80!
(foto: Japo JDM photo)