Archivio

Posts Tagged ‘drop’

Drop e Gianni4 – che dire anfiteatro eh…

13 maggio 2020 2 commenti

WhatsApp Image 2020-05-13 at 16.18.10

Oggi Sky mi ha spedito questa foto del 1995 con Drop in Martesana, c’è anche la foto grande a 1000 pixel.

… che dire quella volta in martesana io e drupi abbiamo spaccato, poi con la scritta king tony, povero tony… che dire anfiteatro, martesana, mica muro della martesana, lì sul paretone ci stavano i leoni…

Poi ieri sono girati due archivi di Type CKC, che sta cercando di ricostruire il black book. C’era dentro una pezzata super vintage con l’anfiteatro ancora alla prima passata di pezzi, ve lo posto che è una mega chicca del 1992. Prima Type e Nesh poi anche Sputo LKK.

208

Categorie:Milano Tag:, ,

NARO – FNM ’96

5 maggio 2020 Lascia un commento

drop.JPG

Periodo delle Nord, non so se già girato questo Naro (Drop) con Kool B (Bread), ho chiesto a Matteo ma non si ricorda niente della nottata. Loro due erano amici di quartiere, Niguarda, c’è poco qui su Pezzate di quella zona al momento. Drop era di una generazione leggermente dopo Ask e Bang, ma sempre abbastanza anni ’80 da essere parte dei Pals with dreams di Spyder e dipingere in Bazzini. Naro forse lo ricorderete per la sua originalità: il suo stile mi sembra lo chiamasse tubulare, in ogni caso sono state le prime cose feeling organico che io ricordi. Molto fighe. Gli ci era voluto qualche anno per farle bene, era una cosa completamente diversa da quello che c’era in giro a Milano, ma anche all’estero se è per quello.

Io non so esattamente chi legge questo weblog. Le crew di Drop erano quindi PWD, CKC, IVA (I Veri Amici) e UAN (Uguali A Nessuno). Poi le crew e i nickname si inventavano, in Plaza tutti ne avevano 4-5 e subivano continuamente mutazioni, storpiature. Una crew molto simpatica e di nicchia era OSA, credo fosse stata creata da Drop e Kool B: Original Selassie Admirer, era un sottogruppo tra di noi di amanti del rastafari, mi avevano messo dentro anche a me. In realtà ero stato importante per portare il reggae nel writing, sia in Plaza sia anche dopo. All’epoca, specialmente indietro nel tempo, avevi poche cassette e ti affezionavi, le sapevi a memoria. Poche persone avevano il vinile per fare i nastri.

Yellowman era stato uno degli artisti chiave nella prima ondata in Plaza, dancehall, rub-a-dub, la mia roba (qui due mix). King Yellow, me lo vedo ancora Drop in quel periodo ah ah. Ascoltatelo qui in un live del 1982, avevo il disco. Poi dopo gli UAN avevano scoperto Garnett Silk, artista immenso e purissimo del new roots anni ’90 (qui i mix se volete ascoltare Penthouse, Digital B e quella roba lì oppure qui Pato del nostro Bass fa Mass sound): Drop aveva il disco dei suoi dubplate per il sound di Killamanjaro, una delle cose più pazzesche del reggae in assoluto (è qui su Youtube). Jaro tallest mountain, make a sound blood run like fountain if them test… A quel punto era fine anni ’90, io stavo da mia sorella e avevo preso il masterizzatore per CD e facevo i mix per la radio Onda d’Urto, molti con DJ Elektro e molti un po’ farlocchi. Ho ancora qualcosa di roots fatto da Matteo, credo il roots classico di Blood’n’Fire (questa roba qui se volete ascoltare). Lui poi da lì è diventato un DJ affermato, lo trovate sui social media se volete ascoltarlo, es qui su Instagramqui su Twitter.

Categorie:Milano Tag:

Flycat Tritalo DropC FlyerX, lungolinea 1991-92

21 novembre 2019 Lascia un commento

Quarto e ultimo appuntamento per il decennale di Pezzate: dopo la metro di Papilly, la banchina di MadBob e il bombing in centro a Bologna di Rusty, concludiamo la serie con questi bombing in banchina a Vila Fiorita.

Se nella serie di post usciti su pezzate sotto il tag “La Linea” potete leggere quello che c’era lungo i muri che costeggiano la linea verde della metropolitana milanese, dall’estremo est fino all’ingresso sottoterra di Cimiano, qualcosa bisogna dire anche delle banchine.
Oddio. Molto è stato scritto, molto ce ne sarà.
Le banchine sono state una caratteristica milanese per un tot di anni, e quella in foto la ricordo per un motivo molto semplice: io la metro, purtroppo, non la prendevo mai.
Era successo che, per motivi di cui non fregerà a nessuno una minchia, ero andato a Gorgonzola in macchina, con un po’ di amici.
Non ricordo nemmeno più il perché, ma non era per comprare l’omonimo formaggio.
Doveva essere, tipo, il novantadue o novantatre.
Mi ricordo che pioveva pioggia e, quando trovai l’auto parcheggiata con la batteria completamente scarica, alle 3.00 di notte, piovvero pure articolate bestemmie.
Per fortuna gli amici macchinati mi riportarono a casa.
Il giorno dopo si trattava di andare a recuperare il pandino.
Ci andai con la metro.
Ora, da milanese di città, andare oltre Cimiano era cosa rarissima. A Cimiano c’è il Parco Lambro e, ok, ci si andava frequentemente.
Ma le fermate dopo erano il regno dei pendolari, di quelli che venivano da fuori. Erano in nomi di fermate esotiche da cui arrivavano amici che vedevi solo il fine settimana.
Con l’esclusione di Cologno per la Vecchia, per molti, ma io ci andavo in macchina.
Comunque, in quel rarissimo, oserei dire unico, viaggio sulla line verde nelle fermate suburbane, vidi passare un mondo di cui sapevo quasi niente: il bombing lungolinea sulla verde.
E tra questo, quello che vedete in foto: una sequenza di alcuni di quelli che han fatto la storia del writing milanese: pezza con FLY 3D di Flycat, TRIT di Tritalo, DROP di DropC (che aveva da poco abbandonato il barre e frecce per evolvere le sue lettere) e, un po’ staccato, FLYER di FlyerX. E anche un Kray CKC solo outline, sotto a Drop!
Tutti sulla parete vetrata della stazione Villa Fiorita, tutte risalenti, penso, al 91-92.
In quel viaggio mi accorsi di tutto quello che stava uscendo sui muri a est di Milano.

Categorie:Milano Tag:, , , , , ,

Naro – I veri amici

4 gennaio 2018 Lascia un commento

C1515FF2-A69C-4705-BB9A-98FAA2D388DF

Sto traslocando e sono un po’ come mi avessero tolto due denti. Salutato tutto il vinile, bye bye. Dagli armadi mi è uscito un book del ‘99 con un paio di outline belli. Qui vi posto quello di Drop, in arte Naro IVA.

Categorie:Milano Tag:

Opium e DropC sulle Nord, 1997

10 maggio 2016 1 commento

 

AirOneTHP DropCKC E930 97

Opium THP e DropC CKC, window-down a Laveno, 1997.
Vabbé hai scritto opium e riporto opium, ma senza darsi delle arie.
Dropsy, invece, scrive il suo con le sue classiche lettere “organiche”.
Bei pannelli sottofinestra che occupavano mezza carrozza su una EB930, puliti e precisi, per due che dominavano le Nord nei 90’s.
Firma di Hekto, resto di qualche bombing precedente.
Erano un po’ che non postavo foto mie di treni, eccone una!
Categorie:Varie Tag:, , , , , , ,

89/90’s tags a Milano

19 aprile 2016 2 commenti

Serie di tags del’89 e primi anni 90 (la foto, di Japo / JDM Photo, è del 1993), su un portone dietro al Cinema Orfeo, in zona Parco Solari, sulla direttrice dal Giambellino verso il centro di Milano.
Ci sono diversi di quelli che hanno messo il sud ovest della città sulla mappa del writing milanese
, sopratutto MNP e THP, oltre a TKA e qualche nome meno conosciuto.KayOne e Rush con 2 stili diversi, Yazo, Mr.Duke (Tebò), Guz TKA, Crase (poi Craze) e diversi altri, come Das 8 e Mat (prima tag di DropC CKC).
AirOne pre THP, con anche la sua vecchia tag Nho.


Milano 89/90’s taggin’!
(grazie a KayOne x i nomi che non riconoscevo!)

Categorie:Milano Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Dose Fume Drop C a Laveno 1995

2 novembre 2015 Lascia un commento

geko fume 95

Dose (Seiko Geiko Geko) UAN, Fume MSN e DropC CKC fecero, nel 1995, questo mezzo e2e.
Mezzo, perché la carrozza EAB 810 in foto era coperta da un altro treno…
Portroppo il pezzo di Dropsy era dietro al treno parcheggiato che copriva mezzo vagone.
E “Carlo”? Chi cazzo è Carlo?
Carlo è, probabilmente, un ferroviere. Infatti, alcuni ferrovieri che, è bene saperlo, odiavano il writing, usavano le bonze abbandonate in yard per andare sopra alle pezzate.
Comunque, questo treno l’ho visto con i pezzi puliti, quindi sarà stato scritto sopra tempo dopo.

Categorie:Milano Tag:, , , , , , , ,