TKA – Soli nel caos

16 luglio 2019 Lascia un commento

scansione0002

 

scansione0005

Vandalo ha scansionato questi due collage che stavano nelle cartellette di Trap e dovevano finire nel terzo numero della fanzine (1993), salvo poi restare fuori. Non ricordo chi li avesse fatti, la calligrafia è di Lemon, se qualcuno si ricorda magari può segnarlo nei commenti.

Da notare nel primo collage le foto di Jet, uno dei tre membri originali dei TKA, che all’epoca erano appunto Three Kids Alone.

Annunci
Categorie:Milano Tag:,

Spyder 7

2 luglio 2019 Lascia un commento

WhatsApp Image 2019-07-02 at 18.15.22

Son qui con Vandalo e abbiamo tirato fuori le cartellette con le vecchie fanzine. C’erano dentro anche due outline di Spyder, uno tutto ingiallito di bloc notes a quadretti e uno A4 che vi posto.

 

 

Categorie:Milano, Outlines

Terrible T Kid 170 – The Nasty Boys

13 maggio 2019 Lascia un commento

Schermata 2019-05-12 alle 22.08.18

Ho intervistato T Kid per Esquire, leggete il pezzone!!! There for the grace of god go I, Julius…

Categorie:New York

Sky4 pixelstyle in Argonne 1991-92

Ieri era il 28esimo anniversario della CKC crew, ci vuole un post in tema per festeggiare!
Anni fa fu postata su Pezzate una foto con un “lumacone” di Guz, datato 1992.
Di fianco appariva un pezzo della prima lettera di quello che vedete in foto: se non il primo, uno dei primi pezzi pixelstyle di Sky4.
Si trovava in Via Dottesio, piccola via vicino alla fine di Viale Argonne, regno di CKC e TKA.
Anni dopo postai io sul mio blog il pixelstyle del CieloQuattro a Treviso, datato 1991.
Ora, non saprei dire se uno era il primo primo e l’altro il primo secondo, rimane il fatto che  Sky stava cacciando delle bombe di stile a un livello che pochi riuscivano a eguagliare in quegli anni.
La foto (di Secse One) è di qualche anno successiva, quando l’umidità di risalita di questo terrapieno della ferrovia cominciava a portarsi via buona parte delle vernici, ma quei pixel erano ancora li a martellarti la retina.
A fianco dediche a soci di crew, amici, parenti, vicini di casa.
Sull’altro fianco il lumacone era stato coperto, intorno al 93-94, dallo stesso Guz con un barre e freccie monocolore.
Da notare poi, sul pezzo di muro grezzo a destra delle dediche, sotto la targa stradale di via Dottesio, una manciata di tag a colori scuri, sotto cui si intravedono dei throwie solo outline bianchi: in alto quello di Dose, mentre in mezzo alle tags si vede quello di Staze (RIP).

Categorie:Milano Tag:, , , , ,

DJ CHIPS – Fantasia, Brooklyn

21 marzo 2019 Lascia un commento

CHIPS AND SOUND SYSTEM RD

Ho fatto un pezzo per Esquire in edicola con la storia dei mobile djs funk degli anni ’70, i sound system che suonavano disco da cui è nato l’hip hop. Leggete qui l’articolo e ascoltate qui di seguito un mix inedito che ci ha lasciato DJ Chips, datato 1978.

Categorie:Mixtape, New York

Vanni: Art School NYC – volume 10

17 marzo 2019 Lascia un commento

1458046476735-1024x693

Vanni ha messo insieme il volume 10 di questo format che facciamo da tre anni, con il mix strano che si era creato a New York tra artistoidi e writer, musicisti new wave, synth pop, disco not disco, celebrities & alternativi, bella gente. Ambiente aperto e fertile, di cui Vanni è cultore. Secondo noi Basquiat ascoltava un po’ sta roba. Avevo negli occhi quella ny lì di Cercasi susan disperatamente, Fuori orario, quei film lì… hai presente…

Seguite tutti i volumi precedenti da questo link, il volume 4 aveva il crossover reggae e verso il 5 c’era una vibra più boogie. Il 9 è molto b-boy.

L’immagine è un tributo a Pearl Art Shop, uno dei Belle arti più storici, in un’epoca in cui SoHo era il centro della creatività lì a NY. Leggete se vi va qui su Artists New York. Io ci ero stato e avevo preso il verde giada Krylon, ah ah.

Categorie:Bari, Mixtape

Zona Est Posse senza rivali (in linea)

14 marzo 2019 Lascia un commento

Non ricordo di aver mai visto pubblicato, come invece avrebbe meritato, questo autentico capolavoro. Siamo nel sottopasso di via Pontano, Hall of Fame TDK per antonomasia, sul lato opposto a quello dello storico Articolo 31, la parete in questione era completo appannaggio dei trucaloni come ricordava il blocco all’inizio del muro.

Il pezzo recita “Zona Est Posse senza rivali” ma io so, per aver visto a metà anni Novanta un book di bozzetti di Limone che la traccia originale prevedeva anche la chiosa: “in linea”. Probabilmente era stato abbreviato per questioni di spazio.

00Zona Est
02Est1
03Posse

Effittivamente all’epoca di rivali in linea ce n’erano pochini, passato il momento PWD la linea esterna era soprattutto roba di TKA e TAC (poi CYB) la cui somma dei componenti corrispondeva ai membri della ZE. All’interno della lettera “n” è possibile leggere la line up della crew:

Zona Est Milano: Sys, Dose, Flash 1, Dep, Bzk, Guz, Jet, Shad, Salbador, Steve DJ e, precis come quei de’ la Mascherpa, gli ZE indicano anche la data di realizzazione: 9 marzo 1992. Sembra ieri, no? No, infatti, sono passati la bellezza di ventisette anni.

04Senza

ZE non credo fosse durata tantissimo, forse un paio d’anni ma per la zona della Martesana rimane un momento fondamentale infatti, Shad escluso, tutti gli altri membri erano della provincia (Vimodrone, Cernusco, Cassina etc). Le mani sono evidentemente quelle di Limone, qua e là compaiono tag di Guz e Shad, non ho idea oltre a loro due chi ci fosse quel giorno di marzo. Dep mi dice che lui era arrivato a cose fatte.
Magari Had ne sa di più?

05Rivali

Pezzo fondamentale nel libro della memoria del writing della Madonnina. La lunga pezzata è condita da dediche (“Ciao Crama Posse”, “Hai, tidikei”…), varie declinazioni dei nomi di Bizeta (Bz, Bazuco…), Guz (Zug, Gaaas, Tuz…), Shad (Shaaz, Bollito…) e Jet. Dentro la “e” di Posse una lunga dedica ai “minchioni, coniglioni, coglioni” che si prevedeva avrebbero sporcato il candore del biancone. In realtà il pezzo è durato a lungo intonso, io l’ho fotografato nel ’94 ed era praticamente perfetto, purtroppo le foto sono scurissimme, si salva un po’ il “rivali”. L’ho rifotografato anni dopo ancora in pellicola, le foto sono più luminose ma fanno comunque cagare e il pezzo è già un po’ pasticciato. Meglio di niente. Qua la frasettine deliranti in pieno stile TKA che sono diventate dei piccoli classici (“non si sa cosa fare sopra il cazzo”).
Alla fine “TKA continuerà”.

Post di C. (autore del libro Buio Dentro sul bombing nella metropolitana a Milano)

Categorie:Milano Tag: