Archivio

Posts Tagged ‘darsena’

Welcome to Darsena 1992

21 settembre 2019 Lascia un commento


Welcome to Darsena.
Questo titolo non vi è nuovo. Avevo fatto un post tempo fa che si chiamava Welcome to Darsena che mostrava il panorama fotografato nel 1998.
Ma qui siamo poco dopo gli inizi, e molti delle pezzate e bianconate che vedete hanno dietro e davanti storie diverse.
Cominciando da sinistra, dove spunta il 3 di S13, pezza fatta l’anno precedente da Jet4 e Teatro (la storia l’ho raccontata qui).
Di seguito spunta il primo TDK. Come l’S13 nostro, dovrebbe essere del 1991, di poco successivo. Dovrebbe essere stato fatto da Sten e Mec, se non sbaglio, presumo per “tenere il posto” per il TDK a blocco che fecero più avanti nel 1992, e che rimase a lungo intoccato, fin verso la fine degli anni 90 (tanto che è visibile nel panorama 1998).
Al centro spunta il bianco del bloccone MNP. Fu la seconda murata Napalmz, fatta da KayOne e Rush rullando biancone spesso in pieno giorno (per dire quanto importasse al Comune e alla soprintendenza quel muro lì…), c’era un MNP precedente, di Craze, Rush e KayOne se non ricordo male) sul casotto a sinistra non inquadrato in foto, ma venne grigionato e i Napalmz dovettero ribadire il concetto.
Lo fecero con quello che fu il primo vero e proprio megablock milanese.
In una sera di particolare ignoranza Shad e Kado TKA ci pezzarono sopra. La pezza fu immediatamente devastata dai Napalmz, e Rush, che dalla MNP era passato da poco proprio nei TKA ci quadagnò… una pizza in faccia. E nemmeno centrava con la pezza.
Seguì subito un nuovo blocco MNP, lievemente più grande.
Sopra l’MNP, a livello strada, c’è la casa occupata di Via Gorizia, su cui s’intravedono la pezza firmata Vandalo, Teatro, Jet4 del 1991. Io feci lo Squat Defender di fianco alla porta della casa.
Di fianco all’MNP, invece, spuntano i colori pastellosi di un DASV. E chi cazzo sono questi? Erano le iniziali di (D)ayaki, (A)tomo, (S)chwarz, (V)andalo. Era il gennaio del 1992, l’Isola Posse All Stars suonava all’Adrenaline, nei sotterranei della casa occupata, e presentavano “Sfida Al Buio” di Speaker DeeMo, e Atomo convinse il Dee a scendere sulle rat infested rive della Darsena per cacciare una lettera a testa.
La storia completa prima o poi la racconto, ma ci trovammo al buio delle 8 di sera di metà gennaio a buttare in parete la prima cosa che ci veniva. Non esattamente un pezzo preparato…
I piccoli bianconi che spuntano dopo erano di due, all’epoca giovani writers del sud ovest Milano, quella zona tra Giambellino, Lorenteggio e Barona che si contendeva la scena con l’est Milano delle crews di Loreto, Lambrate e dintorni.
Sono quelli, sempre del 1992, di Yazo e Tebò. Qualche tempo dopo Yazo entrò nei THP.
Sul lato sinistro spunta un altro biancone, di cui… non ricordo niente!
Se avete foto o ricordate cose, ditemi che aggiorno il post.

Ora la Darsena è la tristezza di un muro grigio su questo lato e mattonicini da recinzione di villetta brianzola sull’altro.
Il Comune grigiona le pezze nuove, come quella alla memoria di Dax, dietro la scusa della non approvazione della soprintendenza.
Mah.
Dal 1989 fino alla ristrutturazione quel muro è sempre stato pezzato, e la soprintendenza non l’ha mai vista nessuno.
Possono passare tutte le mani di grigio che vogliono, ma non cancelleranno gli ultimi 30 anni della storia di quel muro.

(foto: Tark TCR)

Welcome to Darsena!

21 aprile 2017 5 commenti

Della Darsena e dei pezzi che sono stati fatti li, da almeno il 1991 in poi, ne abbiamo parlato in diversi post, dal primo bombing MNP ai primi softie S13-LHP, dai pezzi dell’87 sulla casa occupata a quelli degli anni successivi (1991 e 1994), fino ai bombing VDS di fine anni 90.
Sopratutto quelli sulla riva non duravano molto, venendo subito ricoperti da bombing successivi.
Questo non succedeva sempre, però. Alcuni pezzi durarono diversi anni.
In questa foto, fatta da Secse nell’estate del 1998, si vede un panorama abbastanza vario: partendo da sinistra si vede un pezzo della murata fatta da Phato e Shad (penso nel 1992) sul Kasotto, seguito da un paio di piccoli pezzi non riconoscibili, dopo l’albero il “Buio” di Bzk, seguito da uno che boh e dalla pezza di Dumbo in nero con outline bianco del 97-98, con cui coprì l’S13 del 1991.
Al centro il TDK che Sten, Mec, Raptuz e Reo fecero poco dopo l’S13.
Subito di seguito il MNP grande, che i Napalmz fecero per rimarcare il territorio dopo che Shad e Kado TKA andarono sopra all’MNP precedente in ignoranza style.
Going over sopra al going over, quindi. Un pochino poco attenti, però, dato che il loro sfondo fiammeggiante andò sopra al D.A.S.V. firmato (D)ayaki-(A)tomo-(S)wartz-(V)andalo del 1992 (questo non so se lo posto, la storia è divertente ma l’oggetto bruttarello…).
Di seguito, pezzi e pezzulli successivi, oltre al gruppo di omarelli che pescano nel naviglio.
Sulla casa occupata, dietro, si vedono i resti della prima pittata S13 del 1991 (sulla casa a sinistra in basso), quelli di Teatro del 1994 circa (il primo piano) e quelli intorno al 1997-98 (in basso a destra) firmati Vandalo e Honey.
8 anni di writing sul porto di Milano.
La Darsena vera, non la tristezza che c’è ora.

VDS in Darsena 1998

23 gennaio 2017 2 commenti

 

vds4-darsena

A occhiometro, questa 40ina di metri di VDS firmata collettivamente Lords Of Vetra, sorpassa di qualche lunghezza l’MNP di qualche anno prima che stava più in la.
Per darvi un’idea, il tram che sta passando sopra (Tram Serie 4600 dell’ATM) è lungo quasi 20 metri.
Era sicuramente il bloccone più grande mai fatto in Darsena e, pur non essendo il più grande a Milano, era sicuramente quello con la visibilità maggiore data la posizione in centro città.
Sulla sinistra compare il chitarrista fatto da non mi ricordo più chi e la “P” del vecchio LHP argentone, fatto da Inox nel 1991.

(Foto: Secse)

Categorie:Milano Tag:, , , ,

Dumbo in Darsena 97-98

20 dicembre 2016 1 commento

 

dumbo-darsena-98

Questo pezzo di parete, dove Dumbo fece nel 1997 o 98 questa pezza nera con outline e 3D bianco, per me, è un po’ un pezz’ e core!
Perché sei-sette anni prima del bianco-nero di Dumbo, ci rutilavano i colori S13 lasciati dai miei soci Jet4 e Teatro, risalenti al 1991-92, che spuntano ancora nella foto sotto il pezzo sulla destra.
Inoltre, sempre sulla destra, spunta pure un pezzo della T di TDK lasciata dai Damage Kids qualche mese dopo di noi, che fu il pezzo rimasto integro più a lungo di tutti..
Quando ci arrivò lui, la darsena era un po’ terra di nessuno: le pezze venivano coperte dopo poco e i writers facevano quasi tutti robe semplici, sapendo che non sarebbero durate. Infatti Dumbo, con il suo stile scarno e quelle stelline luminose da writing anni 70, non coprì il nostro S13 ma le pezze che qualcun altro già ci aveva fatto sopra nel frattempo.
La Darsena, pur non essendo affatto un Hall of Fame, fino a quegli anni aveva sempre raccolto e accolto i nomi di chi bombardava Milano, fin dalla prima rullata di biancone degli MNP e dai colori di Atomo Xwarz e Shah, passando per NYC kids come Sharp e Smith, a molti altri.
Qualche anno dopo sarebbe iniziato il lavoro di ristrutturazione che avrebbe portato ai muri di mattoncini tanto cari ai geometri delle villette brianzole, togliendo la fama internazionale del muro per donargli quell’afflato da recinzione di borghetto provinciale.

(Foto del 1998: Secse)

Categorie:Milano Tag:, , ,

Atomo e Swarz in Via Gorizia 1987

8 novembre 2016 3 commenti

 

EPSON scanner image

EPSON scanner image

Se si esclude qualche cosa fatta sui muri della darsena l’anno precedente, i topi e la pantera/gattone di Atomo e Swarz hanno dominato la Darsena di Milano dal 1987, sul muro d’angolo della Casa Occupata di Via Gorizia/Via Vigevano.
Sotto si intravede la scritta “casa occupata” che, essendo stata fatta all’altezza del pergolato con i rampicanti, era visibile solo quando le fresche frasche cambiavano il fogliame nelle stagioni autunnali.

I topastri rimasero a guardia dell’occupazione per moltissimi anni, finché la scrostatura che si vede in alto non si allargò a rovinare quasi tutto (tenete conto che la foto è dei primi anni 90).

In seguito, su questa casa ci dipinsero in diversi, sopratutto noi S13 per anni (vedi il mio robottone), con ospitate di Chief MNP, Dust, Sick156, Honey MC6 e diversi altri.
Infine, l’anno scorso, fu rifatta l’intera facciata su tutti i lati da Jet4 e Vandalo (S13), Tilf e Blackwan e, proprio sopra quello che rimaneva di Atomo e Swarz, da GattoNero.

(foto: Matteo Santoni / Disan)

Categorie:Milano Tag:, , , , ,

S13 in Darsena 1991 – tags&throws

5 agosto 2016 1 commento

 

EPSON scanner image

EPSON scanner image

La Darsena, per quanto riguarda il writing, nel 1991 era agli inizi.
Dopo la prima bianconata degli MNP, grigionata qualche tempo dopo, scendemmo in diversi a fare tags e scritte, mentre una sera scesero i miei soci S13 insieme a Inox LHP a fare throwies in bianco e nero.
Una panoramica l’ho già postata tempo fa, aggiungo questo particolare perché è una bella foto con tanto di riflesso delle pezze nell’acqua della Darsena (Foto: DISAN) e perché sul portoncino di metallo si vede una mia vecchia tag del 91, fatta con quello che era la cosa più simile a un fatcap per le Dupli: il tappo delle Dupli “effetto granito”.

Comunque, da sinistra a destra: blocchino ACAB di Jet4 (poi rifatto in bianco e outline nero con lettere più stilose e grosse, vedi vecchia foto), “Echo of a different world” di Echo/Papilly e bianconata di Teatro.
Poi, nella foto non si vede bene, ma di fianco a Teatro c’è una tag di Craze MNP, probabile resto del loro precedente passaggio, fatta con lo stesso rosso che usarono sul kasotto.

Craze MNP in Darsena 1993

10 settembre 2015 Lascia un commento

craze mnp 93

Il Craze fu uno dei primi in Darsena, anzi, con il MNP che copriva tutto il Kasotto, il primo insieme ai suoi soci.
Questo qua sopra dovrebbe essere del 1993 e fatto di fianco a Smith e Sharp, quando dipinsero in Darsena.

Bella per lo zio Craze, quando la Darsena era un muro selvatico, e non una parete da villetta brianzola come ora.

Categorie:Milano Tag:, , , ,