Archive

Posts Tagged ‘ztk’

GAST ZTK Metro B 1998

4 novembre 2010 2 commenti

Gast in classico stile Gastrite avvistato alla stazione S.Paolo di tardo pomeriggio. La “G” e la “A” inclinate verso destra sembra stiano sgommando per la velocità del treno appena giunto in banchina. Dipinto insieme a One, ricordo che Gast mi raccontò che prima di finire una guardia avvicinatasi di nascosto lanciò un breccolone da in mezzo ai due vagoni del treno di fronte, colpendo la lamiera a pochi centimetri dalla testa di One…

Far Pane Jon 1996

Analisi grammaticale di un egotrip: Far Pane Jon. Se vi servono lezioni di scrittura in Romano non avete che da recarvi alla metro S.Paolo sulla B e Lido poichè la frase in questione è ancora leggibile…

Categorie:Roma Tag:, , , , , , , , ,

Gast Ztk throwups 1997

3 settembre 2010 4 commenti

C’era un periodo nel quale er Gastone prima di entrare a scuola se ne andava lello lello a bombare la metro a Laurentina di mattina presto. Giusto un paio di throwup su sto treno, un paio su quello dopo, e poi poteva entrare in classe pienamente soddisfatto…

Dipingere a Laurentina, il capolinea della metro B a Roma sud, non era cosa facile durante il servizio, perche bisognava farlo col conducente dentro al treno che aspettava di partire. In piu c’erano pulitori e treni che andavano e venivano sulle altre banchine, e la guardia di stazione che di tanto in tanto si faceva un giretto. Una volta partito il treno tutti dietro ai cespugi a bordo banchina ad aspettare il convoglio successivo e così via finche non esaurivi gli spray o eri costretto a scappare…

Sugo Trv Gast Ztk ’97

2 luglio 2010 22 commenti

End to End Sugo Gast lavori in corso al deposito di Anagnina verso l’ora di pranzo. La cosa buffa è che quel giorno non ci accorgemmo che avevamo dipinto su due vagoni rotti. Infatti se guardate dentro ai finestrini potete vedere dei pezzi di vagone smontati.

Mi ricordo un pomeriggio del 2001 al Ponte Nenni, l’unico punto su tutta la linea in cui la metro A esce allo scoperto ed è possibile ammirare i colori sui vagoni alla luce del sole, quando all’ improvviso mi sfrecciò davanti questo treno! I pezzi erano un po sbiaditi e invecchiati ma non potete capire che emozione rivedere dopo quattro anni due vagoni che erano spariti nel nulla.

Quattro anni per aggiustare due vagoni, le solite tempistiche italiane!

GeenSugoTRV 1995

14 giugno 2010 1 commento

Argenti Geen e Sugo sulla Roma-Lido. Geen era un altro nome di Koma, a volte lo scriveva così, il piu delle volte appariva come Jin o Gin. Sugo invece era un altro nome di Hestro.

Lo scatto è del ’99, dopo una nottata dove me ne andai da solo ubriaco ad Ostia al capolinea di Colombo a fare throwup in preda al delirio della rabbia che mi portavo dentro. Mi feci il primo treno a terra che spunta fuori dalla stazione inserendo i miei throwup dove potevo. Arrivato al treno dopo in banchina, c’erano due vagoni ETC e fui costretto a bombare sui vetri.

Notare dentro all’ Hestro la scritta “hate full” ossia “pieno di rabbia”. Dunque non era la prima volta che quel povero vagone si subiva le ire adolescenziali di noi graffitari. Quella notte fui costretto a saturare tre treni a throwup per sentirmi meglio. Il bombing è come un medicinale, leggere attentamente le avvertenze!

Stratificazioni

11 maggio 2010 1 commento

Roma…1992, i primi vagoni della metropolitana vengono dipinti.
Roma…2010, diciotto anni dopo, l’impatto visivo dei Nomi sui treni non si arresta, anzi si ammassano uno sopra l’altro in una folle corsa per la visibilità, strato su strato, generazione su generazione. Opere in perenne movimento su e giù per la città che diventa un enorme museo urbano. Opere che, esposte ad intemperie, pioggia, vento, sporcizia, Sole e fattori umani quali acidi utilizzati per pulire i vetri, col tempo INVECCHIANO, proprio come l’autore dell’opera invecchia. Opere con una vita Propria. Si potrebbe azzardare l’ipotesi che si sia Realizzato cio che i Futuristi teorizzavano cento anni fa!

Magliana 1998

8 maggio 2010 9 commenti

Scatto fuori il deposito di Magliana dai binari rialzati dove corre la linea per Ostia. In primo piano vediamo due vagoni staccati del lido, due modelli differenti. Sul primo da sinistra si intravede un Adam di Stand Mt2 del ’95 circa, e in alto dei tag Jety di Masito del noto gruppo rap romano Colle Der Fomento. Accanto un top to bottom Gor Ztk rozzissimo dipinto alla stazione di Cristoforo Colombo nel ’97 arrampicato sullo scalino che si vede sotto alle porte e che corre per tutta la lunghezza del vagone, ed un throwup Tuff Trv della stessa sera. Sul secondo vagone un Gor piu o meno dello stesso periodo con outline bianco.

Dietro spunta un treno della metro B con un pannello Nyco dei Trv di cui è visibile l’attacco fra la “Y” e la “C”. Attraverso il finestrino della porta del Nyco, sul treno ancora piu dietro si vede un pezzo Mencio della crew PAC argento e fondo verde, ma il dettaglio è così piccolo che non mi aspetto certo che voi mi crediate…