Archivio

Posts Tagged ‘leoncavallo’

Rufer MCD al Leoncavallo 1998

26 aprile 2017 Lascia un commento

Subito a sinistra c’è il pezzo di Sharp che avevo postato su Pezzate tempo fa.
Ora è il momento di Rufer MCD, che sta per Milano City Damagers, anche se al me vecchio punk viene subito MDC (Millions of Dead Cops).
Mi sembra di ricordare che doveva essere un muro di crew, ma il buon vecchio Ruff si trovò a smazzarsi tutto da solo.
Complimenti per il coraggio, comunque, perché stare di fianco a un pezzo di storia del writing di NYC come Sharp non è da tutti!
A completare i tutto, sulla destra, i 16K. Ma li vedremo in un prossimo post
Purtroppo, i mattoni del muro dietro facevano filtrare l’acqua nel cappannone dall’altra parte, per cui, qualche tempo dopo, i vicini propietari del muro comunicarono al Leo che le pezze che circondavano la loro ditta gli piacevano tanto, ma dovevano purtroppo impermeabilizzare.
Una mano d’intonaco passò sopra a tutto.

Aggiornamento – Rufer mi scrive: ” In realtà, se non ricordo male alla prima giornata di lavori parteciparono tutti i membri della crew, il lettering infatti è il classico Paris Style di Rize. Oltre a lui Deca, Cap12 e forse c’era ancora con noi il buon Neil. Mi sa che per non so quale congiunzione astrale mi ritrovai da dolo il secondo giorno, la Domenica, ed è per questo che appare solo la mia firma.”

(foto: Secse)

Categorie:Milano Tag:, , ,

Jet4 + Vandalo S13, Riot in 1992

E insomma, era l’agosto del 1992 e io, Jet4, Teatro e Tonino stavamo aspettando di partire per un giro Spagna-Portogallo-Euskadi.
Saremmo partiti una settimana prima di ferragosto, per arrivare in tempo, intorno al 20, a Bilbao per la Bilboko Aste Nagusia, la Semana Grande di Bilbao, una settimana di festa (e scontri con le guardie) nella capitale dei Paesi Baschi.
Ma essendo per una settimana / 10 giorni nella deserta e assolata Milano dell’agosto 1992, ci dovevamo trovare qualcosa da fare.

Quel qualcosa era usare costruttivamente tutte le bombole accumulate in cantina.
Generalmente, il pomeriggio a pezzare al Leoncavallo e la sera, dopo aver degnamente “carburato”, spedizioni in giro per strade e dintorni.
Uno di quei pomeriggi di agosto, con la cassa di bombole che tenevamo sempre in macchina, questa volta con tanto argento e rosso, tirammo fuori questo pezzo dedicato ai riots di Los Angeles avvenuti pochi mesi prima, a seguito del linciaggio di Rodney King da parte della Polizia di LA.
Il muro non era dei migliori perché il pezzo durasse… sulla parte bassa del frontone su strada di Via Leoncavallo. Praticamente destinato a essere coperto di manifesti di concerti, tags e tutto quanto. Ma almeno fino a settembre ci arrivò!
Il lettering lo fece Jet4, io mi occupai del puppet, della stella rossa e del geniale accessorio ideato dal buon vecchio Михаил Тимофеевич Калашников, l’AK47.

Categorie:Milano Tag:, , , ,

Sharp – jam al Leoncavallo 1998

21 marzo 2017 1 commento

Questo era il muro proprio di fronte all’ingresso del Leoncavallo in Via Watteau. Era dell’ex officina-sfasciacarrozze-rottamaio-quelcheè che occupa l’isolato sull’altro lato della strada.
Sharp lo realizzò durante la jam del 1998, lasciando a bocca aperta molti di quelli che dipingevano all’epoca e che parteciparono a questa jam.
Purtroppo, qualche anno dopo, il proprietario dovette far intonacare il muro, a causa di infiltrazioni sull’altro lato, per cui l’intera parete andò completamente perduta.
Mi ricordo quando il proprietario venne a comunicare che doveva intonacare, probabilmente preoccupato del dispiacere causato agli amanti della scrittura aerosol, disse che non avrebbe avuto nessun problema se fosse stato dipinto l’intonaco nuovo… cosa che successe subito, ma purtroppo senza la mano di Sharp.
Per fortuna ci sono le foto (come questa di Secse), così vi potete vedere i pezzi anche se non c’eravate.
Avevo già postato diverse foto di murate di Sharp, quella del 1987 al vecchio Leoncavallo, quella del 1993 con Smith alla HoF MNP in Giambellino, il bombing, sempre con Smith nel 1993, in Darsena.
Mancano le foto dei treni, sopratutto del primo… chissà se uscirà fuori prima o poi.

LEONCAVALLO, Via Mancinelli, 1990

18 marzo 2017 1 commento

Questa è la seconda, anzi, la terza murata per Fausto e Iaio, organizzata dal Leoncavallo in Via Mancinelli.
La prima fu fatta nel 1989, la seconda nel 1990, ma fu coperta poco dopo dai “grigioni” del Comune.
Quella nella foto (e in altre) fu la pezzata successiva alla grigionatura. In un primo momento si provò a vedere se era possibile lavare via il biancone dato dagli stronzi mandati dal Comune, ma non fu possibile.
Si decise, quindi, di rifare un pezzo nuovo sopra, per ribadire al Comune di Milano che quel muro (e quello di fronte) era di Fausto e Iaio, e non c’era un cazzo che ci potessero fare.
Oggi, 18 marzo, sono passati 39 anni dall’omicidio e 27 da questo pezzo, quei muri sono stati pezzati e ripezzati molte volte (l’ultima in questi giorni dai VolksWriterz), ma sono e rimarranno sempre per Fausto e Iaio.

Ah, il pezzo era un pezzo collettivo, ma a grandi linee le lettere erano di:
Vandalo (L), Inox (E), Core (ON), Teatro (K), non ricordo chi per (AWALL) e Kino (O), anche se non si vede nella foto (di Wany UES).

Zona Tredici al Leoncavallo 1998

17 ottobre 2016 Lascia un commento

 

leo98zn13masklarkamoklaser

Mask Lark Amok Laser ZN13 al Leoncavallo, Milano 1998.

Durante una delle varie jam che ci sono state nei dintorni di Via Watteau e del Leoncavallo, dal 1995 in poi (questa mi sembra fosse la seconda o la terza), dove hanno dipinto praticamente tutte le crew milanesi dell’epoca, ci fu anche questa murata firmata ZN13 crew.
Da sx a dx le pezze di Mask, Lark (anche autore del “Zona Tredici Cru” in alto), Amok forse non finito dato che c’è il ponteggio davanti… che poi, ponteggio… sembra più uno di quei cavalletti per cui l’Ispettorato del Lavoro ti chiude un cantiere immediatamente. E infine il puppet di Laser, appena girato l’angolo.

Poi, negli anni, i pezzi sono stati ricoperti decine di volte. Ma i 10-20 centimetri più in alto delle lettere di Lark, spuntano ancora. Un tantino scolorite.

Lark mi fa notare che, a quell’epoca invasto per la scena jungle, ha pure infilato un paio di dediche nella pezza a LTJ Bukem e True Playaz!

Zona 3DC!

(foto Rufus)

Vandalo e Teatro al Leoncavallo, 1990

22 aprile 2016 Lascia un commento

Vandalo + Teatro S13, “Power”, C.S. Leoncavallo, Milano 1990.
La scritta era di Teatro, il puppet con Tank Girl era mio. Il 50 era perché stavo festeggiando il mio 50esimo pezzo, sul muro con filo spinato appena ricostruito, dopo la demolizione da ello squat da parte degli sbirri e del Comune di Milano.
Alla destra di questo pezzo c’era un pezzo di Inox.
Alla sinistra, dove stava una volta il salone, c’era l’enorme IFIXTCENTCEN che Luca Abort aveva vergato a spray, prima di un loro concerto (degli Ifix, intendo), circa 1987…
Eravamo appena tornati dal Muro dei Mondiali, e avevamo casse piene di bonze da usare.

Categorie:Milano Tag:, , , ,

Bang in “saletta CKC” 1991

Come tutti sanno, la storia dei CKC inizia a Lambrate, tra la Plaza (Piazza Aspromonte), il Casoretto a Lambrate e i dintorni.
Non mi ricordo se erano già CKC o con le crew precedenti, ma alcuni di loro, almeno quelli che passavano più spesso dal Leoncavallo, chiesero di poter utilizzare una saletta, all’epoca vuota, come punto d’incontro.
La nebbia dei lotti in quella stanza è rimasta leggendaria, e se la ricorda chiunque sia entrato almeno una volta nel locale.
Per quelli che non ci sono mai stati, eccola qui, in uno dei rari momenti in cui pure la nebbia era calata ma non collassata (colto il gioco di parole?). Sulle pareti, prove di scrittura loro e degli altri frequentatori.
Nella foto, softie argento e rosso di Bang in primo piano, sopra a sinistra tag in nero e piccolo softie di Ask1, di fianco softie goccioloso di Moez (che ha fatto la foto). Nell’angolo buio a destra si intravede anche una tag di Yndy color tra su de ciuc