Archivio

Posts Tagged ‘1996’

Rusty SPA al Macchia Nera, Pisa 1997

13 agosto 2019 Lascia un commento

Rusty SPA.
L’anno della pezza dovrebbe essere 1996 o 1997 (1997 mi dicono, durante Panico Totale).
Per fortuna Duke1 mi ha girato la foto, perché non l’avevo mai visto, dato che al Macchia Nera c’ero stato 7-8 anni prima.
E siccome non posso raccontarvi storie pisane del 96, quando è stato fatto il pezzo, vi racconterò una del 1989, quando ci sono stato io. Che con la pezza di Rusty, lo so, non centra una beata minchia.
Quindi beccatevi la sturieleta pisana.

UN SABATO PISANO DI FINE AGOSTO 1989

Era la calda estate del 1989. si, proprio quella calda dello sgombero del Leoncavallo quella di 30 anni fa tra un paio di giorni, che gli sgomberi i cani blu li fanno sempre a ferragosto.
Lo sgombero e gli scontri erano passati da qualche giorno, quando io, Corrado Riot, Antonio di Linea Diritta ‘zine, un pò di gente della Whip/S13, del T28, di Mandragora, insomma: gli ultimi mohicani della scena hardcore milanese, decidiamo di lasciare il rovente asfalto della Milano da bere per presentarci, ribaltando il significato del noto proverbio toscano, all’uscio dei pisani.
Era il primo tour europeo dei Bad Religion, non suonavano a Milano ma nella ridente cittadina toscana.
Il primo appuntamento era al Due (per i forestieri il Due è Via Filangeri 2, l’indirizzo del carcere di S. Vittore). Quello stesso giorno il buon vecchio Teatro veniva scarcerato con altri compagni, in attesa del processo. Uscì dal Due e sul portone gli si comunica che sta partendo con noi per le lande pisane.
Passo successivo in Stazione Centrale, per prendere uno dei famigerati carri bestiame che, Ferrovie dello Stato prima e Trenitalia poi, si ostinano a chiamare treni.
Il viaggio risulta normalmente disagevole, con il riscaldamento della carrozza in funzione nonostante i 38 gradi esterni, ma noi si era allegra combriccola di esagitati 20enni e non ci si faceva caso. Tanto i finestrini erano tutti aperti e, per quelli non, una chiave FS saltava sempre fuori.
Qualcuno non era munito del necessario papiro ferroviario e a ogni passaggio di controllore prendeva posa supina sotto i sedili. Il resto era ricorso alle arti della Luciana e disponeva di ticket tarocco identico al vero.
La prima tappa è a Genova, dove la coincidenza per Pisa non coincide ma si procrastina nel tempo e nello spazio, essendo qualche ora dopo nell’altra stazione. Decidiamo di fare un passeggio in Via Prè, dove ci facciamo chiassosamente notare. Ci facciamo notare pure troppo, tanto che la cassa comune, affidata alla tasca interna del cappello di Teatro viene visibilmente notata. Capiamo che l’ora di far ritorno alla stazione era giunta anche se non era giunta, e ritorniamo.
Arrivati allo scalo pisano (conosciuto precedentemente in un Pisa – Milan dei tempi di Anconetani e Farina) ci dirigiamo all’uscita senza la più pallida idea della direzione da prendere.
Nessuno si era informato dell’indirizzo del Macchia Nera.
Fuori dalla stazione c’era una piazza con tanto di aiuole, marciapiedi, traffico e tutto quello che uno, in una piazza, s’aspetta.
In mezzo alla piazza vediamo un gruppo di giovani e meno giovani con magliette dei Bad Religion, zaini, borse e borsoni. Noi ci si rincuora e ci si avvicina. L’intenzione è di chiedere ai ragazzi, visibilmente in loco per il nostro medesimo motivo, indicazioni per raggiungere il Macchia.
Prima ancora d’aver l’occasione d’aprir bocca, uno dei giovani meno giovanotti si gira e ci chiede: “Do you know where’s Macchia Nera?“.
Era Greg Graffin dei Bad Religion. Ora che lo si vede in faccia non ha più l’aria dell’adolescente che aveva da lontano. Dimostra tutti i suoi, boh… 30 anni? Inconcepibilmente vecchio per dei neoventenni come noi.
A 21 anni il mio inglese non era quello fluente e colloquiale di oggi, per cui tra me, Corrado e Antonio, si farfuglia qualche lemma consono a fargli comprendere la nostra assoluta ignoranza della toponomastica pisana. Oltretutto l’unica freccia visibile indica la direzione “torre pendente”. Interessante meta, ma non utile a risolvere lo stallo.
I californiani ci fanno capire che dovrebbe passarli a prendere un pisano furgonemunito per portrli al c.s.
Ci fanno capire, inoltre, che attendono sotto il sole da almeno 1 ora.
Ci fanno capire, infine, che hanno rotto il furgone da qualche parte in Germania e stanno proseguendo il tour in treno.

In treno.

in Italia a fine anni 80.

C’è da stupirsi se lo hanno poi completato il tour!
Noi gli si fa compagnia fino a quando, nel giro di svariate mezz’ore, arriva un crestato pisano, col tipico cipiglio di chi è appena stato svegliato dalla pennichella.
La giuria popolare, essendo composta di alacre popolo meneghino, sgomenta, rabbrividisce e rimanda il pigro aborigeno laddove deve andare (cioè non soltanto verso il Macchia Nera).
Intanto, essendo il primo pomeriggio ed avendo ore a pacchi da far passare prima dello show, decidiamo di fare visita al negozio Wide Records per salutare il buon vecchio Pippo GDHC.
Avendone l’indirizzo e sapendolo non lontanissimo dalla piazza il compito appare facilitato, pur se complicato dalle incomprensibili indicazioni degli aborigeni.
Dopo svariate svolte destre e sinistre senza costrutto alcuno, arriviamo.
Il tempo scorre tra chiacchiere con Pippo e soci, acquisti di dischi e promesse di scambi di materiali sonori vari. Prima di uscire, però, ci ricordiamo di chiedere indicazioni per il Macchia Nera.
Degni eredi di una tradizione locale di indicazioni stradali al confine tra il surreale e l’assurdo, sulla scia degli aborigeni in precedenza incontrati, la risposta che otteniamo è più o meno qualcosa di simile a: “Gli è he tu prendi codesta straha, no qhuella!, oh he tu giri addeshra no alla prima ma alla sehonda sul laho opphostho. Sicchè tu arrivi indove vi è un phonte. Non phassi il phonte ma gli giri in hosta, chè la straha gli è piùllunha di hilometri setthraversi. Ma vai drittho, e poi sinishra, e poi la quartha addeshra dell’edihola della Nazione, he ci sta un fornaio, e indove la straha curva gli è il hancello del Mahhia Nera sull’addeshra“.
Mavaffanculo. Ovviamente alla prima svolta ci perdiamo e continuiamo a vagare come zombi in un film di Lucio Fulci.
Ci viene in soccorso San Moretti da Sessantasei, che ci manda un segnale nelle fattezze di un flyer che pubblicizza la serata, per cui adesso abbiamo un indizio dell’esistenza del Macchia Nera su questo piano di realtà.
La visione del cancello scardinato ci da infine la certezza che noi e il Macchia Nera condividiamo le medesime coordinate spazio-temporali.
Il Macchia era un ex villa con parco rimasta abbandonata per anni. Aveva da poco subito un attacco dalla feccia fascista locale, ed erano visibili i resti bruciati delle molotov tirate. Come se non bastasse dal soffitto si infiltrava acqua piovana e chi gestiva il posto si arrangiava come poteva.
Date le ridotte dimensioni dello spazio concerti nella villa il concerto si tenne nel parco.
Il palco esterno era la struttura più terrificante che abbia mai visto per un concerto punk, infatti il palco era a quasi due metri d’altezza. In pratica da sotto il palco vedevi le scarpe dei musicanti ad altezza faccia.
Il piano del palco era posto su una serie di muretti di foratoni di cemento, tirati su a un metro di distanza uno dall’altro. Per non lasciare in faccia alla gente la fila di muretti, il lato verso il pubblico era coperto da una parete di lamiera ondulata.
Intanto inzia il concerto: era il tour di presentazione di Suffer e la scaletta prevedeva quei pezzi e vecchi classici.
Intanto, sotto il palco, il contingente Milano Hardcore dominava il pit. Non si facevano windmill da segaioli come gli sfigati degli anni successivi, ma mucchi umani di 20/30 persone che si gettavano dal palco una sopra l’altra. In uno di questi, l’Amanda venne estratta paonazza, con una manciata di costole incrinate e, forse, fratture scomposte.
Nei primi 10 metri davanti al palco non c’era nessuno che non avesse mai calcato i marciapiedi di Lambrate, salvo un metallaro pisano completamente ubriaco, che pogava fuori tempo. Noi, infami come pochi, viste le sue precarie condizioni psicofisiche, lo incitammo nella rovina musicale e morale. Dopo poco scoprì che lanciandosi contro la parete di lamiera con il proprio corpo poteva produrre un rumore tipo SBRRRAAAAAAAANNNNNGGGG!!!!!! capace di rivaleggiare con l’impianto audio del concerto.
Noi, naturalmente, si accoglie con un “olè!” ogni SBRRRAAAAAAAANNNNNGGGG!!!!!! che risuona tra un pezzo e l’altro. Il giovane, persa oramai ogni dignità e ogni senso del rischio comincia ad produrre i successivi SBRRRAAAAAAAANNNNNGGGG!!!!!! a testate con rincorse sempre maggiori. Finalmente arrivò il premio alla nostra infamità: invece di uno SBRRRAAAAAAAANNNNNGGGG!!!!!! risuonò nel silenzio totale della pausa tra un pezzo e l’altro un secco THUD.
Dopo una discreta rincorsa e un tuffo a volo d’angelo, aveva colpito l’onduline nel punto dove questo copriva la testa di un muro in foratoni di cemento.
Inizialmente ci aveva anche preoccupato, in fondo avrebbe potuto anche rimanere offeso nella sua integrità, ma la presenza di respiro e battito cardiaco consentirono l’ilarità generale.
Per festeggiare la scena indegna si offrì birra a fiumi all’indomito kamikaze.
Nel frattempo il concerto finisce, i BR vengono accompagnati da qualcuno che li ospiterà e il MIHC contingent si ferma a dormire nel centro sociale.
I compagni pisani, in un impeto di generosità ci mettono a disposizione il salone del bar, dove una distesa di bicchieri di plastica rotti e pozzanghere di birra fanno da materasso alle nostre stanche membra. Io mi accomodo insieme ad altri su un tavolo, slalomando tra scoli liquidi di dubbia origine e pattume assortito per dormire qualche ora. Tra un cazzeggio e l’altro si erano fatte le 5.00, e nel primo pomeriggio avevamo il treno che ci avrebbe ricondotto nella metropoli.
La situazione era quella che era, per cui dopo un 3-4 ore di sonno eravamo quasi tutti svegli, pronti a destare anche gli ultimi addormentati con lanci di rumenta.
La mattina ci si riavviò in direzione stazione dove, tra orde di pisani che vanno a messa con il vestito buono, 15 punks lerci di pogo e birre fecero voltare più di un occhio e tappare la totalità dei nasi.
Ma la stazione è qui, il treno, questa volta diretto, pure.
Gli appennini si aprono all’orizzontalità padana e il cielo color pantegana dell’agosto milanese ci riaccoglie nel suo caldo abbraccio.

 

Categorie:Senza categoria Tag:, , , , ,

In alto fino al NOCE

13 febbraio 2018 1 commento

Noce. Piazza Duomo.
Che piaccia o meno, se devi scegliere una foto significativa di cosa voglia dire bombing negli anni 90, per lo meno a Milano, quasi tutti ti direbbero questa.
Quando Noce fece il suo storico flop nel 1996 ne parlarono tutti i giornali. E ne parlarono tutte le persone. Era la prima volta che ti trovavi a spiegare cose come bombing, heaven spots e simili a zie, vicini di casa e gente che non ne sapeva niente: “tu che fai i cosi li sui muri, ma perché ‘sto tuo amico ha cosato questa roba in Piazza Duomo?“.
Questo heaven spot, più di altri, colpì l’mmaginario collettivo di TUTTI, dal mitico “uomo della strada” che passa e guarda su, a chi è stato tra i primi a portare l’HipHop in italia “se mi cerchi sono uscito, andato, in alto fino al Noce, da lì vi guardo e vedo che vi piace“, rime uscite in quel 1996.
Su come abbia realizzato la sua missione sono fiorite leggende urbane, alcune molto fantasiose, che quasi spiace dire di più.
Ma sinteticamente il percorso rimane: entrare, salire, accedere al tetto, aspettare. Il racconto preciso rimane nelle orecchie di chi l’ha sentito dal Noce in persona.
Per quanto riguarda il flop e la discesa, lo raccontò lui in un vecchio numero di Tribe Mag:

– “Com’è andata?
– “Pioveva, ma è stata una delle notti più belle. Beh oltre a essere salito, stare lì in alto, voltarsi e vedere il Duomo, in basso i carabinieri che facevano avanti e indietro. Quando poi sono sceso, alle 6.00, c’era un tipo che suonava il sax davanti al portone del Duomo.
Io mi sono messo accanto a lui e ascoltandolo guardavo il pezzo.
E’ stato magico
“.

Ognuno, poi, ha la propria storia personale. E sfido qualunque writer sia passato da Piazza Duomo a sostenere di non aver mai guardato da quel lato della piazza, con quel flop che ti faceva sentire Duomo come casa tua, non il salotto buono della milano bene, ma una parete che portava lo stesso nome che leggevi a Quarto Oggiaro.
Questa foto, oltretutto, ha un sacco di elementi che raccontano pezzi di Milano e di chi ci è passato, dalla fermata della Linea 1 Metro in basso a destra, alle insegne che non esistono più come quella di Burghy 5 piani sotto il Noce, o quelle che esistono ancora pure nelle case di ogni DJ come quella Technics (a proposito: nelle foto sui giornali non lo vedevate, ma su questa si. Noce aveva lasciato una tag sotto quel Technics!).
Anche Secse, che ha fatto la foto, ha il suo ricordo di quando ha fotografato il Noce e ricorda con precisione il giorno del 1996 in cui la fece:

Nel 1996 ci fù una jam vicino a Brescia, a Pontoglio. Potrei raccontare anche della jam, c’erano i francesi 123Klan, i DSP di Pesaro, Skah e Kato di Vicenza, Leo di Brescia e molti altri… ma questo sarebbe un altro racconto.
Io avevo 15 anni e ci andai in treno con alcuni ragazzi di Treviso che dipingevano, e con noi c’era anche DjShocca (ai tempi anche lui giovanissimo ed ora uno dei più noti prodottori Hip Hop italiano). Finiti il pomeriggio e la serata della jam, passammo una nottata in stazione a Pontoglio ed al mattino presto prendemmo un treno per fare un giro a Milano. Avevo già delle foto di questo tetto che posso senza dubbio definire Leggenda, ma ne approfittai per farne un’altra, e forse è la più chiara e ben inquadrata di tutte, poi si vede la scritta Duomo della fermata metro; peccato che ho beccato il display mentre mostrava orario e temperatura, con la data sarebbe stata una booomba incredibile, comunque la data la so, era domenica 21 luglio 1996 (il giorno dopo della jam di Brescia, che era il 20 appunto)“.

Categorie:Milano Tag:, ,

MDS in via Massaua 1996

31 dicembre 2016 Lascia un commento

2016-12-31-15-27-05
Ultimo post del 2016!!!
Probabilmente produzione di Flood e Clam, questo murone non esiste più. È stato infatti abbattuto per fare spazio al cantiere che vedete dietro: un isolato intero di uffici della Banca Popolare.
Certo, con l’MDS li davanti sembra una zona viva, ma non è cosi: è una zona morta sia di giorno, quando ci sono gli impiegati, sia di notte, quando non ci sono.
O viceversa.
Boh.
Immaginate un intero isolato di edifici rivestiti in pannelli grigio scuro e grigio chiaro con finestre in quel verdino azzurro a specchio stile rayban da tamarro tarocchi.
Ecco.
Ora ditemi che è il writing che porta il degrado.

Ma il dio dello STILE, perché non ha perseguitato la dirigenza della Banca Popolare di Milano per cagargli buon gusto negli occhi ogni notte?
E lo STILE, invece, stava a piene mani nelle linee dinamiche e precise che disegnavano gli MDS, che davano un senso a quel cazzo d’isolato dietro Piazza Tripoli e la Circonvalla.

 

(Foto: Secse)

Categorie:Milano Tag:, , ,

Oneman Rash Robin RNS, Laveno 1996

Semi end2end per gli RNS, questa volta con pannelli di Oneman, Rash e Robin.
Dopo Robin c’è una traccia di qualcuno che ha abbozzato qualcosa, per cui può darsi che abbiano dovuto mollare li il completamento dell’e2e.
Boh.

La carrozza è un EA 840 e, anche se dalla foto non si vede bene, sul finestrino del cesso (quello bianco a metà carrozza) porta un disegno “graficamente esplicito”.
Non so di chi sia, ma è la stessa mano che ha fatto disegni simili su almeno altri 3-4 treni che ho fotografato.
Questo mi fa supporre l’esistenza di un’intera serie di rail-porn.
Qualcuno ha altre foto simili?

Categorie:Varie Tag:, , , ,

Nitro Woam Weaze Oneman Shampo in FNM 1996

5 febbraio 2016 Lascia un commento

End 2 end fatto nel 1996 e fotografato a Laveno nel 1997.

Da sinistra a destra abbiamo Nitro SAD, Woam (Robin) e Waeze (Dumbo) RNS, Oneman GR VDS, Shampo BIC. Tutta gente che, chi di più, chi di meno, era ben presente sulle FNM.
Probabilmente, Vetra Di Sera era un po’ vuota, quando stavano tutti sulle Nord…

La rarità di questa foto è  che la carrozza su cui hanno dipinto è una EB900, le cosidette “Belghe” o tipo M2. Erano carrozze inizialmente costruite per le ferrovie del Belgio (SNCB o NMBS), di cui le FNM acquistarono alcuni esemplari a metà anni 90 (quindi, quando sono state dipinte erano arrivate qui da poco), che rimasero in servizio per una quindicina d’anni, girando poco sul lato comasco delle Nord, sopratutto negli anni in cui questa veniva dipinta (e fotografata!).
Non a caso, la foto l’ho fatta alla stazione di Laveno, lato varesino delle FNM.
A oggi ne rimangono 4 esemplari, non più in uso, fermi in diverse stazioni da un po’ di anni.

Comunque, per i particolari, ecco Nitro SAD e un pezzo di Woam RNS

Il resto di Woam (Robin), Wease (Dumbo) RNS e l’inizio di Oneman

Oneman GR e Shampo BIC

Categorie:Milano Tag:, , , , , , , , , , , ,

Opak AirOne MastroK in FNM 1996

20 gennaio 2016 Lascia un commento

End 2 end di Opak SDK, Airone THP (Chart) e MastroK THP SIC (2Mas).

THP e SIC, insieme a poche altre crews furono tra gli iniziatori e “dominatori” delle Ferrovie Nord, con una sterminata quantità di pannelli, e2e, wholecar, dal 1992-93 fino almeno al 1996-97 (periodo in cui cominciarono ad arrivare molte nuove crew di scuola diversa), come racconta AirOne stesso.

Qui un esempio della loro produzione su metallo dove, per l’occasione, avevano portato il francese Opak della crew SDK.
Opak

Chart (AirOne)

2Mas (Mastro K)

Il treno è un EBD 700 delle FNM, elettromotrice passeggeri di seconda classe, la cui “D” nella sigla stava a indicare la presenza di uno scomparto postale, convertito in seguito in area passeggeri senza sedili. Questi treni rimasero in servizio fino a oltre il 2010, per poi essere accantonati in questi ultimi anni.

Per farvi un’idea della storia di questo treno, un paio di immagini recuperate in rete:
L’elettromotrice EBD700-14 (la stessa dell’e2e) nel 1979, con livrea marrone:
E una decina di anni fa, accantonata nel deposito di Garbagnate:

Categorie:Varie Tag:, , , , , , ,

Vetrash Vandalz 1996 al Parco delle Basiliche

10 giugno 2015 1 commento

vetrash vandalz 96

Il muro al Parco delle Basiliche a cui si riferiscono queste foto è abbastanza speciale per me, essendo quello dove ho fatto i miei primi pezzi (1989).
Qualche anno dopo, quando Piazza Vetra era diventata uno dei centri principali per chi voleva tirare tardi senza farsi derubare dai locali del centro, molte crews hanno cominciato a trovarsi lì e a bombardare la zona.
Tra i bersagli principali, questo muro di Via Santa Croce, dietro alla Basilica di Sant’Eustorgio: lungo, alto il giusto per una pezzata senza sbattimenti di scale e visto giornalmente da migliaia di persone.
Negli anni ci hanno dipinto in tanti, ma le foto che vedete qui sono delle murate fatte nel 1996 (anno in cui BekaOne è stato a Milano e le ha fotografate!).
Spyce, Cleph, Reyn, Bean, Vez, Nega, Oneman e Duplo, per le crews TAK, GR, VDS e RNS.
Il collage che ho fatto qua sopra è un po’ un grezzume, per cui ecco le foto singole!

(foto: BekaOne – Consulenza: Urok PNP)

vetra1 spyce GR

vetra2 cleph

vetra3 Reyn TAK GR

vetra4 Bean - Vez-Cleph GR

vetra5 Nega Oneman RNS

vetra6 Rey Duplo TAK

Categorie:Milano Tag:, , , , , , , , , , , , ,